Associazione Culturale Sarda

Chi è online

 27 visitatori online
19 gennaio, ore 18.00, "La voce del Leccio" di Tonino Oppes PDF Stampa
News ed Eventi

Sardegna e Toscana unite: comunità e memoria storica nell’opera narrativa La voce del leccio del giornalista e scrittore Tonino Oppes.

Sabato 19 gennaio 2019 ore 18:00. Ingresso gratuito

L’iniziativa organizzata dall’Associazione Sarda Grazia Deledda di Pisa si svolgerà presso la sede sociale in via Carducci 13, Loc. La Fontina-San Giuliano Terme  (Pisa), nell’ambito del ciclo “Incontro con l’autore”. Coordina i lavori Angela Saba in collaborazione con Manola Bacchis. Voci recitanti: Giancarlo Cherchi, Marcella del Bianco, Alessandra Manfredini e le piccole Anna Serena, Gaia, Giulia e Viola e i piccoli Giulio e Andrea.

L’ultima novità editoriale La voce del Leccio (Domus de Janas), del giornalista e scrittore Tonino Oppes, originario di Pozzomaggiore (SS), verrà presentata a Pisa.

Tonino Oppes, autore di cospicue opere dedicate all’ambiente, e al suo habitat, attraverso la narrazione avvicina il lettore all’importanza della memoria storica, della comunità e del paesaggio.

La voce del leccio è un affresco antropologico di una Sardegna che corre il pericolo di essere cancellata per sempre, e con essa l’identità di un popolo. La profondità del racconto lascia col fiato sospeso; la sensazione è quella un viaggio nel tempo. Una scrittura semplice e profonda, con richiamo carezzevole e sicuro, penetra nel cuore di una Regione meravigliosa che rischia di vedere svanire i sogni e il lavoro di generazioni.

Tonino Oppes affronta una tematica rilevante che affligge la Sardegna, ma che recentemente ha colpito anche la Toscana: il dramma degli incendi. Tra le fiamme scorre la vita di un’intera comunità che si dissolve in cenere, mentre il soffio del vento sparge ovunque il suo urlo di dolore. Come è successo nei giorni della tragedia che ha colpito il Monte Pisano, alle porte di Calci e Vicopisano. E’ una tragedia che accomuna le due Terre unite, fin dagli anni Sessanta, da un forte legame con il mondo agropastorale.

Dalle pagine del libro emerge il contrasto tra la durezza e la bellezza straordinaria di quei luoghi, lesi dalla ferocia del fuoco ma che risplendono grazie alla forza interiore dell’uomo che trova fiducia e conforto dal grande leccio, pianta secolare, simbolo di speranza, e patriarca.

Al termine della serata: degustazione con prodotti Toscani e Sardi, il ricavato sarà devoluto per il Monte Pisano. Offerta minima 5 euro.

Inoltre, la mattina del 19 gennaio l’autore sarà ospite nella scuola primaria Segromigno Piano - Istituto Comprensivo Camigliano di Capannori (Lu). Con i piccoli alunni e le insegnanti, Tonino Oppes parlerà delle storie degli amici animali, come la civetta, il cinghiale, la foca monaca, e tanti altri, con il libro “La casa della civetta” (Condaghes) all’ombra del grande leccio ad ascoltare la sua voce. L’incontro è curato dalle maestre Giovanna Asti e Carolina Bertini e dall’Associazione Sarda Grazia Deledda di Pisa.

Info e prenotazioni solo per chi resta alla degustazione: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.